The Gentlemen's Agreement - Apocalypse Town

by The Gentlemen's Agreement

/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    Purchasable with gift card

      €5 EUR  or more

     

  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    Disco bullonato, cartone pesante e grafiche realizzate da Davide Arpaia.
    Un oggetto di arredamento unico che contiene un disco eccezionale.

    Includes unlimited streaming of The Gentlemen's Agreement - Apocalypse Town via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 2 days

      €8 EUR or more 

     

  • Full Digital Discography

    Get all 7 Subcava Sonora releases available on Bandcamp and save 20%.

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality downloads of La Malavoglia, L'esistenza dei mostri - Co.Co.Pro., The Gentlemen's Agreement - Apocalypse Town, Grammophone - Multiverso, Nouer - Love Revolution, Cosa? - Sula Ventrebianco, and Bere Fuoco - Borderline. , and , .

    Purchasable with gift card

      €6.40 EUR or more (20% OFF)

     

1.
2.
Moloch! 04:02
I La sveglia esplode la mattina alle tre un altro sogno demolito in un istante. Ti guardi intorno però il sole non c’è! Il mondo al neon è molto meno interessante. La grande fabbrica… con la sua voce da gigante. La grande fabbrica… sarà la tua divinità. II Noi, noi rinchiusi qui, se il giorno passa noi non lo vediamo mai. Sempre noi, braccia forti noi, uomini duri, grandi e grossi, non piangiamo mai. Io, ingranaggio io, produco - mangio – dormo, ma non è follia? Sempre io, se mi fermo io, tutto è perduto, tutto crolla, tutto è in avaria. III Noi lavoriamo e produciamo, ma il tempo ride e se ne va. Noi dipendiamo, ci consumiamo, ma il tempo ride e se ne va. Cosa vinciamo? Cosa perdiamo? Se intanto il tempo se ne va.
3.
Il milione 03:59
I E’ il suo turno qui da un po’. Non è morto, ma a breve lo sarà. La catena di montaggio è sempre là. “Quale benessere, un po’ di pace mai l’avrò?” Con la mente salpa via di qua, capitano di una nave senza ciurma o marinai. Va dove vuole, almeno sognerà “Oh! Si! Quello è gratis (no virgola) e a nessuno ruberò!” Rit Mentre navigo sull’oceano, non ho turni, non ho debiti. Da solo navigo nell’oceano, senza turni, senza debiti. Mentre navigo sull’oceano da solo per un po’, finché il mio turno finirà II Il suo collega qui da un po’. Lui non sogna, lui non respira mai. E’ un automa con un cuore: non vive quasi più. “Per me il benessere è questo: stress e guai!” Con la mente lui non salperà, senza porti o donne che l’attenderanno mai. Prigioniero in terra tra ciurma e marinai “Ciò che posso compro, altrimenti ruberò!” Rit Lui non naviga sull’oceano, lui ha turni, lui ha debiti Lui è una macchina per l’oceano, preferisce turni e debiti Lui non naviga sull’oceano nemmeno per un po’, nemmeno per un po’
4.
I Lavoro qui da te, ma tu con me non ci sei mai. Io mangio qui da te, ma tu con me non mangi mai. Ma come parli bene (bene bene) Ti muovi proprio bene (tanto bene) Parlo tanto di te, ma tu con me non parli mai. Dormo poco per te, quanti caffè tu non lo sai! Faccio i calli per te, ma tu perché non li fai mai? La foto viene bene (bene bene) La firma viene bene (tanto bene) Perdo il tempo per te, ma tu perché non perdi mai? Rit Senza le nostre mani tu che fai? Chi sei? Direttore, direttore, dire dire direttore II Faccio tutto per te, ma tu per me, tu cosa fai? Tanti turni per me, ecco perché non esco mai. Tu certo vivi bene (bene bene) Seduti si sta bene (tanto bene) Cambio tutto di me, ma tu per me non cambi mai. Punto tutto su te, ma tu su me non punti mai. Ho paura di te anche perché non ridi mai. Non credo di star bene (bene bene) Mi sento poco bene (poco bene) Muoio dentro di me, ma tu perché non muori mai?
5.
I Sento un rumore, ma non è il cuore mio. Lo stesso rumore, ma non è il cuore mio. Rumore che invenzione! Ma non è il cuore mio. Invento anche io un rumore: quello del cuore mio. Rit Non resiste più, il cuore è debole. Non fa più rumore, lui non batte più II Rumore nelle mani, ma non nel cuore mio. Rumore in gesti strani, ma non nel cuore mio. Rumore su rumore, ma non nel cuore mio. Ho scelto un rumore: quello del cuore mio. Rit Sento! Esiste! E’ lui! E’la mia macchina E sento il mio cuore, non lo perdo più
6.
I Tu sei la madre dal seno grosso la sicurezza lascia i segni addosso Mi vuoi bene? Mi vuoi male? Se me ne vado mi verrai a cercare? II Chi dice lascia chi dice resta ho messo un freno a queste voci in testa Qui sto bene? Qui sto male? Io scappo fuori resta qui a guardare Rit Mordila è tua prendila è tua mordila prendila vivila è tua
7.
8.
Chiude la fabbrica panico nella città Ancora ferme le macchine adesso che cosa accadrà Guardo negli occhi il terrore l’effetto che fa La radio dice, ripete: “fuggite lontano da qua” Stendi i panni l’aria è pulita e puoi farlo anche in città L’autostrada è tutta fiorita e piantiamo gli orti in città Sai, questo è un tempo un po’ anormale, si regredisce per creare. Ci serve un sogno da inventare, una campagna da occupare!
9.
Sembro un altro ricordo un altro com’ero non so più Nuovo tempo nuove strade e i piedi vanno già Portano via reggono il peso e pregano Come le capre amano il sale Sanno saltare non hanno colpa se più su non ho le ali Per poter spiccare il volo
10.
11.
Adeus 05:11
Adeus e brindo alla libertà e… non chiedo più al tempo Se vivo più lento, decido il mio tempo, ora io ho tempo. Sacra più di Dio sei terra mia sacra più di Dio Vita gelata dal ferro e da un fuoco che vita non è. Ora il profumo di vita si sveglia anche in questa città.
12.
Come l'acqua 02:56
I Siedi, vivi, prendi il tuo tempo, non l’hai fatto mai. Come l’acqua tu non hai forma, cambia quando vuoi. Rit. Tutto scorre, tutto passa, nulla muore mai II Cerca, scopri, guardati dentro, non l’hai fatto mai. Viaggia, torna, cura il tuo centro, prova, riuscirai
13.
I Nel vicolo ogni sera le donne erano strilli, Mi piaceva la cantilena di un nome gridato, nome di molte lettere. E seppi che può anche profumare il freddo, La notte lunga un giorno, senza passato, moriva con il sonno e risorgeva. Rit. I sogni addestrano al mondo, i sogni come terra e mare, sono ricchi e come i ricchi avari Finiscono presto sott’acqua un attimo e via II I giorni hanno un colore che ci portiamo addosso, Avevo un sorriso largo, senza denti, che ogni tanto saltava su un riso veloce La vita qui è un momento, qui non si aspetta nulla. L’amore in mezzo ai campi, del buon vino Su! Sveglia! Presto! E’ mattino
14.

about

'Apocalypse Town' è stato realizzato attraverso il sistema del baratto e con l'ausilio di strumenti interamente autocostruiti.

L'intero lavoro dei Gentlemen's Agreement è legato da un filo unico che lega tutte le canzoni: la liberazione dal sistema fabbrica verso una libertà matura e consapevole, scandita da un ritmo di vita più armonico con il mondo. Il sound dello spettacolo dal vivo rispecchia la stessa dinamica: l'inizio è caratterizzato da catastrofe di rumori miste a melodie, con uno sviluppo costante teso alla rappacificazione musicale, con la cessazione dei rumori e l'avanzamento di una più serena melodia.

Il disco è rilasciato dall'etichetta Subcava Sonora, prima realtà italiana a diffondere tutte le proprie produzioni con licenze Creative Commons, in aperta opposizione al sistema di gestione monopolistico della SIAE:

ANTEPRIMA VIDEO SU ROLLINGSTONE
www.rollingstonemagazine.it/musica/news-musica/anteprima-video-the-gentlemens-agreement-dire-direttore/

MAKING OFF SU SENTIREASCOLTARE
sentireascoltare.com/video/the-gentlemens-agreement-apocalypse-town-backstage-e-making-of/

ANTEPRIMA STREAMING SU ROCKIT
www.rockit.it/thegentlemensagreement/album/apocalypse-town/25132

credits

released April 9, 2014

Rilasciato con licenza Creative Commons by-nd-nc 3.0

Etichetta: Subcava Sonora
Ufficio Stampa: Sfera Cubica
Booking: ASAParts

license

tags

If you like The Gentlemen's Agreement - Apocalypse Town, you may also like: